Telefono e Fax
Tel: 0775734026 Fax: 0775734026

Scissione dei pagamenti (split payment) e professionisti delegati alla vendita

Martedì 09/01/2018

a cura di Studio Meli S.r.l.


Il meccanismo della scissione dei pagamenti (split payment), introdotto dalla legge di stabilità 2015 (1), ha previsto per le pubbliche amministrazioni che acquistano beni e servizi, qualora non siano soggetti passivi dell'IVA, l'obbligo di versare direttamente all'Erario l'IVA addebitata in fattura dai loro fornitori.

Tale meccanismo ha permesso allo Stato di ridurre l'evasione fiscale, ma ha comportato una modifica degli adempimenti a carico dei fornitori.

Lo split payment è obbligatorio per le cessioni dei beni e le prestazioni di servizi effettuate (fatturate) nei confronti di:
  • Stato;
  • organi statali ancorché dotati di personalità giuridica;
  • enti pubblici territoriali e consorzi tra essi costituiti;
  • Camere di Commercio;
  • Istituti universitari;
  • ASL e degli enti ospedalieri;
  • enti pubblici di ricovero e cura aventi prevalente carattere scientifico;
  • enti pubblici di assistenza e beneficienza;
  • enti di previdenza;
  • consorzi tra questi costituiti.


A partire dall'1 luglio 2017 la Manovra Correttiva 2017 (2) ha allargato la platea delle Pubbliche Amministrazioni con obbligo di applicazione del meccanismo di scissione dei pagamenti IVA e ha previsto l'applicazione dello split payment ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute ai fini delle imposte sul reddito (ossia i compensi ai professionisti).

Dal 1° luglio 2017 la scissione dei pagamenti della Pubblica Amministrazione si applica a:
  • tutte le amministrazioni;
  • gli enti ed i soggetti inclusi nel conto consolidato della Pubblica Amministrazione;
  • le società controllate direttamente o indirettamente .dallo Stato, di diritto o di fatto;
  • le società controllate di diritto direttamente dagli enti pubblici territoriali;
  • le società quotate inserite nell'indice FTSE MIB della Borsa italiana.


La fattura emessa (e la pro-forma di fattura) indirizzata ad un soggetto obbligato allo split payment deve riportare in modo ordinario tutti i dati e gli importi a carico del creditore procedente, ma indicherà l'importo da pagare al netto dell'IVA esposta in fattura.
La fattura dovrà inoltre specificare il particolare regime applicato. Si suggerisce la seguente dicitura:
"Operazione assoggettata a split payment con IVA non incassata dal cedente ex art. 17-ter D.P.R. 633/1972".

In sede di registrazione, la fattura verrà annotata nel registro IVA vendite, ma l'importo dell'IVA esposta non verrà sommata nella liquidazione periodica: sarà infatti possibile effettuare un'apposita scrittura di storno dell'IVA derivante dalle operazioni di split payment.

Di seguito un esempio di fattura per fondo spese, con split payment:



I professionisti delegati alla vendita devono pertanto prestare particolare attenzione in sede di fatturazione dei fondi spese o dei compensi posti a carico dei creditori procedenti, per evidenziare i casi in cui il destinatario di tale fattura sia un soggetto che rientra nella disciplina dello split payment.

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze, nel corso del 2017 è più volte intervenuto pubblicando e integrando gli elenchi dei soggetti tenuti all'applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti e da ultimo il 19/12/2017 ha pubblicato gli elenchi, validi per l'anno 2018, dei soggetti tenuti all'applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti di cui all'articolo 17-ter, comma 1-bis, del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633. (3)

Gli elenchi pubblicati, scaricabili in formato MS Excel, riguardano attualmente quasi 5.500 soggetti, identificati per codice fiscale e denominazione e sono suddivisi in 6 differenti categorie, così denominate:

2) Società controllate di fatto, direttamente o indirettamente, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dai Ministeri (articolo 2359, primo comma, n. 2 del codice civile)

3) Enti o società controllate, direttamente o indirettamente, dalle Amministrazioni Centrali

4) Enti o società controllate, direttamente o indirettamente, dalle Amministrazioni Locali

5) Società quotate inserite nell'indice FTSE MIB della Borsa italiana

6) Enti o società controllate, direttamente o indirettamente, dagli Enti Nazionali di Previdenza e Assistenza

7) Enti, fondazioni o società partecipate, direttamente o indirettamente, per una percentuale complessiva del capitale non inferiore al 70 per cento, dalle Amministrazioni Pubbliche

Sarà pertanto opportuno, prima dell'emissione della pro-forma di fattura o della fattura definitiva verificare se il destinatario rientra tra i soggetti obbligati allo split payment.

I casi più frequenti che potranno interessare i delegati alla vendita per le fatturazioni nel corso del 2018 riguardano i seguenti soggetti che si trovano nell'elenco 5):
ASSICURAZIONI GENERALI S.P.A.
UNICREDIT S.P.A.
MEDIOBANCA BANCA DI CREDITO FINANZIARIO S.P.A.
INTESA SANPAOLO S.P.A.
UNIPOLSAI ASSICURAZIONI SPA
BANCA GENERALI SPA
BPER BANCA S.P.A.
FINECOBANK BANCA FINECO S.P.A.
BANCA MEDIOLANUM SPA
UNIONE DI BANCHE ITALIANE SOCIETA' PER AZIONI o UBI BANCA
BANCO BPM SPA


Un caso particolare, dovuto al periodo di modifica della normativa, riguarda l'esenzione dall'obbligo di applicazione dello split payment nel caso in cui il fornitore, prima dell'1 luglio 2017, abbia già nella propria disponibilità il corrispettivo spettantegli, in forza di un provvedimento giudiziale.

Tale caso è stato precisato dall'Agenzia delle Entrate con circolare n. 27/E del 7 novembre 2017 che in relazione alle ipotesi di esclusione dall'obbligo di split payment indica: "(ad esempio, le prestazioni rese dal professionista delegato dall'Autorità Giudiziaria alla procedura di esecuzione immobiliare, in relazione alla fatturazione del compenso)."

Pertanto, i pagamenti dei compensi effettuati ai delegati attingendo ai fondi spese disposti dal G.E. andranno effettuati applicando l'ordinario regime IVA e non lo split payment.

Note:
(1) Ai sensi Legge 23 dicembre 2014, n. 190, articolo 1 - comma 629, che ha aggiunto al DPR 633/72 l'art. 17 ter;
(2) Decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50 convertito in legge 21 giugno 2017, n. 96;
(3) Abbiamo pubblicato gli elenchi all'indirizzo www.ateneoweb.com/speciale-esecuzioni-immobiliari.html.




Ti segnaliamo il nostro Software Gestionale Esecuzioni Immobiliari on-line, utile per la gestione organizzata ed automatizzata on line degli incarichi affidati dai Giudici delle Esecuzioni del Tribunale ai professionisti ausiliari della procedura.
Le ultime news
Oggi 07:00
E' stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29 dicembre 2017 (Supplemento Ordinario n. 62),...
 
Oggi 07:00
L'Agenzia delle Entrate, con Provvedimento del 29 dicembre 2017, Prot. n. 306346/2017, ha approvato il...
 
Oggi 07:00
Sul sito internet dell'Agenzia Entrate è stata pubblicata la bozza del provvedimento con le regole tecniche...
 
Oggi 06:59
La disposizione in questione non incrina il diritto di difesa del contribuente, in quanto l'accesso al...
 
Ieri
Recuperata, nei confronti di un gestore di villaggi turistici, l'imposta indebitamente restituita relativa...
 
Ieri
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha emanato, di concerto con il Ministero dell'Economia e delle...
 
Ieri
I commi da 238 a 242 dell'art. 1 della legge 27 dicembre 2017, n. 205 (Legge di Bilancio 2018), riguardano...
 
Venerdì 19/01
E' però necessario fare una distinzione tra mese di scadenza e mese di pagamento che di solito è il...
 
Venerdì 19/01
E' stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29 dicembre 2017 (Supplemento Ordinario n. 62),...
 
Venerdì 19/01
Sul sito internet della Ragioneria Generale dello Stato sono disponibili le nuove versioni di alcuni...
 
Venerdì 19/01
Il prossimo 30 gennaio 2018 scade il termine per la presentazione delle domande per accedere al voucher...
 
Giovedì 18/01
Si ricorda che, dal 15 gennaio 2018, è possibile presentare ad Invitalia le domande per la richiesta...
 
Giovedì 18/01
Con il Provvedimento dell'Agenzia delle Entrate del 15 gennaio è stata approvata la versione definitiva...
 
Giovedì 18/01
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 12 del 16 gennaio è stato pubblicato un Comunicato del Ministero dello Sviluppo...
 
Mercoledì 17/01
E' stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29 dicembre 2017 (Supplemento Ordinario n. 62),...
 
Mercoledì 17/01
E' stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29 dicembre 2017 (Supplemento Ordinario n. 62),...
 
Mercoledì 17/01
Si tratta, infatti, precisano i giudici di legittimità, di un atto prodromico all'esecuzione del provvedimento...
 
Mercoledì 17/01
A partire dall'anno finanziario 2014 il contribuente ha la possibilità di destinare, all'atto di presentazione...
 
Martedì 16/01
Sul sito internet dell'Agenzia delle Entrate sono disponibili i modelli 2018 delle dichiarazioni 730,...
 
Martedì 16/01
E' stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29 dicembre 2017 (Supplemento Ordinario n. 62),...
 
Martedì 16/01
Il Ministero dello Sviluppo economico informa che, dal prossimo 30 gennaio, le micro, piccole e medie...
 
Martedì 16/01
Il Ministero dell'Economia e delle Finanze, tramite la Ragioneria Generale dello Stato, ha informato...
 
altre notizie »
 

Studio Commerciale Pesoli

Via Piscina, 56 - 03012 Anagni (FR)

Tel: 0775734026 - Fax: 0775734026

Email: info@studiocommercialepesoli.it

P.IVA: 01701840603