Telefono e Fax
Tel: 0775734026 Fax: 0775734026

Legge europea 2018 - Novità in materia di riconoscimento delle qualifiche professionali. Nuova definizione del concetto di "legalmente stabilito"

Venerdì 17/05/2019, a cura di TuttoCamere.it


L'articolo 1 reca alcune modifiche alla disciplina in materia di riconoscimento delle qualifiche professionali, di cui al D.Lgs. 9 novembre 2007, n. 206.

Una parte di tali interventi è intesa a definire questioni oggetto della procedura europea di infrazione 2018/2175.

La novella di cui alla lettera a) del comma 1 concerne la nozione di cittadino dell'Unione europea "legalmente stabilito", posta dalla summenzionata disciplina di cui all'articolo 4, comma 1, lettera n-septies), del citato D.Lgs. n. 206/2007, introdotta dal D.Lgs. 28 gennaio 2016, n. 15, che ha recepito la direttiva 2013/55/UE in materia di riconoscimento della qualifiche professionali.

Rispetto alla formulazione attualmente vigente, si sopprime il requisito della residenza nello Stato in questione.

Il riferimento alla residenza - osserva la relazione illustrativa governativa - non è previsto nelle direttive europee e ha comportato problemi applicativi.

Con alcune modifiche al D.Lgs. n. 206/2007, viene introdotta una nuova definizione del concetto di "legalmente stabilito". In particolare, all'articolo 4, comma 1, la lettera n-septies) viene sostituita dalla seguente: «n-septies) "legalmente stabilito": un cittadino dell'Unione europea e' legalmente stabilito in uno Stato membro quando soddisfa tutti i requisiti per l'esercizio di una professione in detto Stato membro e non è oggetto di alcun divieto, neppure temporaneo, all'esercizio di tale professione. E' possibile essere legalmente stabilito come lavoratore autonomo o lavoratore dipendente».

Dunque, un cittadino dell'Unione europea è legalmente stabilito in uno Stato membro quando soddisfa tutti i requisiti per l'esercizio di una professione in detto Stato membro e non è oggetto di alcun divieto, neppure temporaneo, all'esercizio di tale professione. La possibilità di essere legalmente stabilito riguarda sia il lavoratore autonomo che il lavoratore dipendente.

La successiva lettera b) modifica le norme di individuazione delle pubbliche amministrazioni competenti ad esaminare le richieste di riconoscimento di una qualifica professionale.

La successive lettere c) e d) riguardano il rilascio della tessera professionale europea.

La lettera c) concerne, in particolare, un profilo della procedura di rilascio della tessera professionale europea (istituto previsto per le professioni di infermiere responsabile dell'assistenza generale, farmacista, fisioterapista, guida alpina, agente immobiliare).

In base alla norma interna vigente, l'autorità competente deve segnalare al richiedente gli eventuali documenti mancanti e rilasciare ogni certificato che sia già in proprio possesso e che sia richiesto dalla disciplina in oggetto.

La novella - come richiesto dalla Commissione europea nell'àmbito della citata procedura d'infrazione 2018/2175, sulla base dell'articolo 4-terdella direttiva 2005/36/CE2 - riformula quest'ultimo profilo, prevedendo che l'autorità competente rilasci ogni certificato di supporto richiesto dalla medesima disciplina a prescindere dalla circostanza che il certificato sia in possesso o meno della medesima autorità.

Per un approfondimento sui contenuti e per scaricare il testo della legge europea 2018 clicca qui.

Fonte: https://www.tuttocamere.it
Le ultime news
Venerdì 14/06
Secondo un condivisibile orientamento manifestato dal Giudice del registro delle imprese di Torino (decr...
 
Venerdì 14/06
L'Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 186 dell'11 giugno scorso, ha chiarito che i compensi percepiti...
 
Venerdì 14/06
La Corte di Cassazione, Sez. 6 Civile, con l'ordinanza n. 14114 del 23 maggio 2019 ha ribadito il principio,...
 
Giovedì 13/06
Con il Provvedimento n. 184656 del 7 giugno 2019 l'Agenzia delle Entrate ha apportato alcune modifiche...
 
Giovedì 13/06
Il liquidatore di una società, cancellata dal Registro delle imprese, non risponde nei confronti del...
 
Giovedì 13/06
Con la sentenza n.11975 del 7 maggio 2019 la Corte di Cassazione, Sez. 6 Civile, si è espressa in tema...
 
Mercoledì 12/06
La vendita di quote di partecipazione in società a responsabilità limitata con patto di riservato dominio...
 
Mercoledì 12/06
Con il provvedimento n. 184633 del 7 giugno 2019 l'Agenzia delle Entrate ha approvato alcune modifiche...
 
Mercoledì 12/06
E' online sul sito internet dell'Agenzia delle Entrate "Il tuo ISA", il software che consente...
 
altre notizie »
 

Studio Commerciale Pesoli

Via Piscina, 56 - 03012 Anagni (FR)

Tel: 0775734026 - Fax: 0775734026

Email: info@studiocommercialepesoli.it

P.IVA: 01701840603